BIRMANIA LOIKAW

BIRMANIA PRANZO NEL MONASTERO DI LOIKAW LAGO INLE

E’ impressionante il numero di monaci che si vede in Birmania. In ogni pagoda, in ogni luogo sacro, in ogni strada. Vestiti con la semplice veste arancione e l’immancabile borsa. Fin dalle prime luci del mattino sono in giro per la quotidiana questua del riso. Così poco basta a loro per vivere.

Il monaco non è un sacerdote, non celebra alcuna funzione, ne amministrativa ne amministra alcun sacramento. E’ un maestro che insegna con il suo esemplare comportamento, predicando a parole la via della liberazione dalle passioni e dalle brame terrene.

Varcare la soglia di un monastero birmano è entrare in un luogo senza tempo. Tutto scorre e tutto resta immobile. Da secoli, quotidianamente, gli stessi gesti si svolgono in maniera inalterata. E’ un mondo a parte, apparentemente incontaminato dalla modernità.

Il piccolo monastero di Loikaw, nella zona più estrema del lago Inle, è, per ora, fuori dal circuito turistico.

Il silenzio regna sovrano. Gli edifici sono antichi, in legno intarsiato, nelle sale principali sono contenuti oggetti sacri. Tutto indica la profonda devozione verso Budda e i nat, gli spiriti benevoli.

Alla fine delle ore dedicate allo studio dei testi sacri i monaci lasciano in silenzio l’aula. Vanno a compiere la purificazione prima di andare a pranzo. Si lavano con grandi secchi di acqua fredda. I loro mantelli rossi, arancioni e gialli vengono messi ad asciugare e sembrano enormi vele al vento. Poi tutti spariscono, tutto sembra inabitato, tranne i 2 gatti del convento che sonnecchiano serenamente.

Ecco che ordinatamente tutti i 200 e più monaci che abitano il monastero si mettono in una interminabile fila ordinata. Avvolti nel loro abito rosso, reggono la ciotola per il riso. Poi, senza fretta, composti, silenziosi, senza badare a noi intrusi, salgono nella enorme sala da pranzo, lasciando fuori le scarpe. Infinite paia di infradito, tutte identiche e tutte diverse formano un immenso tappeto colorato.

Tutto con una calma e un silenzio inimmaginabile per noi occidentali.

_DSC2818_64A7192x_64A7198_64A7204_DSC2827_64A7221_64A7230_64A7236_DSC2859x  _64A7227  _64A7233  _64A7239 _64A7241 _DSC2856_64A7248 _64A7252 _DSC2858x_DSC2853_64A7253 _64A7254 _64A7261_DSC2855x _64A7264 _64A7270 _64A7312  _64A7277_64A7272x_64A7271x_64A7294_64A7293_64A7286_64A7284

wpja, agwpja, giovanna corti, fotografo di matrimoni in italia, fotografo di matrimoni in lombardia, fotografo di matrimoni in liguria, matrimoni in lombardia, matrimoni in liguria, matrimoni a santa margherita ligure, wedding in santa margherita ligure, wedding reportage in santa margherita ligure, fotografo di matrimoni in piemonte,fotografo matrimonio pavia, pavia foto, servizio fotografico matrimonio pavia, fotografo di matrimoni voghera, servizio fotografico matrimonio voghera, wedding photographer in piemonte, fotografo di matrimoni a piacenza, wedding photographer in piacenza, get married in piacenza, wedding in villa durazzo, fotografo di matrimoni a pavia, fotografo di matrimoni a voghera, fotografo di matrimoni in oltrepò pavese, matrimoni a villa durazzo, lombardy wedding photography, liguria wedding photography, venice wedding photography, fotografo di matrimoni reportage in lombardia, fotografo di matrimoni reportage in liguria, fotografo di reportage matrimoniali, garda lake wedding photographer, get married in portofino, get married in portofino, get married in venice, get married in garda lake, get married in italy, hindu wedding italy, luxury wedding in como lake, luxury wedding in portofino, vintage editing fashionable wedding photography, vintage wedding photographer, vintage wedding photographer in italy, wedding on portofino, wedding photographer in italy, como lake, portofino, camogli, cinque terre, fotografo matrimono castello san gaudenzio, foto san gaudenzio, servizio fotografico matrimonio san Gaudenzio

Via Emilia, 58 Voghera (PV) – Phone: 335 5950965
Mail: giovanna.corti@libero.it
S. Margherita Ligure – Portofino – Voghera